Diritto Civile

Applicazione dell'attenuante se l'omesso versamento delle ritenute salva i dipendenti. (Corte di Cassazione, Sezione Penale n. 10084 depositata il 16.03.2020).

Applicazione dell'attenuante se l'omesso versamento delle ...[..]

  • Data:1 Aprile

 

Il caso riguardava un soggetto che, in qualità di rappresentante di una società, veniva imputato, ai sensi dell'art. 10 bis del d.lgs n. 74/2000, per omesso versamento delle ritenute certificate.

In sede di appello la pena veniva rideterminata.

Il soggetto ricorreva dinanzi alla Suprema Corte dove evidenziava l'assenza di dolo, l'insussistenza  dell'elemento oggettivo del reato e l'erronea applicazione degli artt. 62 e 133 c.p.

In sede di impugnazione, infatti, non veniva considerata integrata l'attenuante dell' “aver agito per motivi di particolare valore sociale”. Il ricorrente aveva tentato di proseguire l'attività al fine di preservare i posti di lavoro dei propri dipendenti.

Gli Ermellini accoglievano la terza doglianza sollevata dal ricorrente.

Secondo i Supremi Giudici la Corte di Appello aveva solamente sostenuto la congruità del trattamento sanzionatorio del giudice di primo grado (il quale aveva applicato le attenuanti generiche) senza verificare la presenza di elementi che potessero integrare l'aver agito per motivi di particolare valore sociale e morale.

La Corte precisa che l'art 62 bis c.p. prevede che "Il giudice, indipendentemente dalle circostanze previste nell'articolo 62, può prendere in considerazione altre circostanze diverse, qualora le ritenga tali da giustificare una diminuzione della pena. Esse sono considerate in ogni caso, ai fini dell'applicazione di questo capo, come una sola circostanza, la quale può anche concorrere con una o più delle circostanze indicate nel predetto articolo 62”.

Pertanto non si può escludere il concorso tra le attenuanti previste dall'art. 62 bis c.p. con le attenuanti di cui all'art 62 c.p.

Gli Ermellini ritenevano che "la sentenza impugnata sarebbe conforme a diritto se gli elementi addotti dalla difesa non fossero sufficienti ad integrare la circostanza dell'aver agito per particolari motivi di particolare valore sociale. Laddove, invece, lo fossero, occorrerebbe riconoscere la sussistenza della circostanza attenuante di cui all'art. 62, n. 1), cod. pen., indipendentemente dal fatto che gli stessi elementi siano stati considerati anche nel più ampio giudizio relativo alla ritenuta sussistenza delle circostanze attenuanti generiche, non essendovi peraltro stato, sul punto, appello del pubblico ministero, neppure incidentale. L'accertamento di cui sopra necessita di una valutazione di merito che nella specie è mancata e rispetto alla quale la sentenza impugnata non reca motivazione."

La Corte ha ritenuto valida la richiesta dell'imputato, relativa all'applicazione delle attenuanti comune prevista dall'art 62 n. 1, ovvero l'aver agito per motivi di particolare valore sociale e morale con conseguente diritto per l'imprenditore ad avere uno sconto della pena.

 

Commento dell' Avv. Carlo Cavalletti iscritto Albo Cassazionisti

Via R. Fucini, 49

56125 Pisa

Tel: 050540471

Fax. 050542616

www.studiolegalecavalletti.it

www.news.studiolegalecavalletti.it

 

Log in

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy & Informativa Privacy.

Cliccando su "OK" acconsenti all’uso dei cookie.