Diritto Civile

La banca deve risarcire il danno subito a seguito dell’investimento in obbligazioni Cirio per non aver informato il cliente in ordine al rating [..]

La Banca deve risarcire il danno subito a seguito [..]
  • Data: 31

“La banca deve risarcire  il danno subito  a seguito dell’investimento in obbligazioni Cirio per non aver informato il cliente in ordine al rating. Il diritto dell'attore si prescrive nell’ordinario termine decennale in quanto trattasi di materia contrattuale” (Tribunale di Lucca n. 1270/2017).


Il caso concerne un contratto di intermediazione mobiliare e deposito titoli in forza del quale il direttore di filiale aveva proposto al cliente di effettuare un investimento molto vantaggioso; durante l'incontro l'odierno attore faceva espressamente presente di non voler correre rischi in quanto i risparmi erano pervenuti in forza della morte della madre.
Rassicurato dalle parole profuse dal direttore il correntista aveva acquistato obbligazioni Cirio Holding 6,25% nella errata consapevolezza di acquistare obbligazioni della società italiana Cirio spa mentre in realtà l'ordine riguardava obbligazioni straniere.
Peraltro non era stato riportato alcun dato circa l'andamento economico della società stranire, sul rating nonché sul contenuto della Offering Circular e sui rumors che, da tempo, circolavano nell'ambiente finanziario né tanto meno vi era stata informazione sulla profilatura del cliente così come previsto dall'art. 28 comma 1 lettera a del Reg. Consob 11522/1998.
Si costituiva la banca nel giudizio promosso presso il Tribunale di Lucca eccependo la prescrizione ritenuta dal relativo difensore quinquennale e nel merito riferendo della correttezza del direttore nel proprio operato.
Dopo aver svolto l'istruttoria, sentito i testimoni la causa veniva trattenuta in decisione e il Tribunale di Lucca, in data 15.6.2017, emetteva sentenza di condanna della banca sui seguenti fondamenti.
Dapprima il Tribunale ritiene, concordemente con la Corte di Cassazione n. 17868/2011, l'azione di natura contrattuale e quindi soggetta a prescrizione decennale.
Nel merito la banca non ha, sempre secondo l'autorità giudiziaria, dimostrato di aver agito correttamente e con diligenza trattandosi di un'operazione di elevata pericolosità economica e né erano state fornite le dovute notizie circa il rating delle obbligazioni acquistate.
Per tali motivi la banca viene condannata alla restituzione della somma investita detratte le somme percepite medio tempore a titolo di cedole oltre gli interessi legali e la rivalutazione; la banca viene anche condannata al pagamento delle spese legali di parte attrice.



commento avv. Carlo Cavalletti
Via R. Fucini, 49
56125 Pisa

Leggi tutto...

Corte di Cassazione – sez. civile n. 2915 del 15.2.2016 – è nullo il mutuo fondiario se supera la soglia di finanziabilità

Nullo mutuo fondiario se supera soglia finanziabilità [..]

  • Data: 10

 

Troppe volte gli Istituti Bancari hanno concesso ad aziende mutui fondiari per estinguere debiti e/o precedenti mutui.

L’art. 38 comma 1 e 2 TUB prevedono come il credito fondiario abbia per oggetto la concessione, da parte di banche, di finanziamenti a medio e lungo termine garantiti da ipoteca di primo grado su immobili, il cui ammontare è individuato in rapporto al valore dei beni ipotecati (c.d. credito fondiario) o al costo delle opere da eseguire sugli stessi (c.d. credito edilizio).

Il Tribunale di Venezia aveva stabilito la nullità del mutuo per superamento della soglia massima di finanziabilità che – secondo il CICR – si assesta nella percentuale dell’80% del valore dell’immobile.

Il problema affrontato dalla sentenza in commento concerne gli effetti del mutuo concesso dalla Banca quando lo stesso superi la percentuale sopra richiamata. Secondo un’ interpretazione l’art. 1418 c.c. nel prevedere l’inciso “salvo che la legge non disponga altrimenti” conferisce al Giudice il potere di individuare le ipotesi in cui la sanzione della nullità non possa ritenersi compatibile con la ratio della norma imperativa violata.

Nel caso affrontato, in particolare, la decisione del Tribunale di Venezia impugnata ha ritenuto che il contrasto con la norma imperativa che indica un soglia massima di finanziabilità conduca alla nullità virtuale del contratto, poiché la norma sarebbe posta a tutela non già della singola banca ma della stabilità del mercato bancario.

Altresì il medesimo orientamento è stato espresso in una sentenza emessa dal Tribunale di Firenze che, nell’esaminare le conseguenze derivanti dal superamento della soglia massima di aveva riaffermando, invece, in buona parte, la validità concettuale della precedente decisione.

La normativa richiamata è contenuta nel D.Lgs. 385/2003 del T.U.B. e nell’art- 38, co. 2., TUB assegna alla Banca d’Italia, in conformità delle deliberazioni del CICR, la competenza a determinare l’ammontare massimo di tali finanziamenti.

Altresì la delibera CICR del 22.04.1995 ha stabilito che la percentuale tra concessione e immobile debba essere pari all’80% anche in relazione al costo delle opere da eseguire sugli stessi ma la normativa nulla afferma in ordine alle conseguenze nascenti dalla loro violazione.

La Corte di Cassazione n. 26672/2013 stabiliva come le norme in questione si qualificherebbero bensì come imperative ma non incidenti sulla validità del contratto: esse sarebbero dunque mere norme di comportamento, la cui violazione determinerebbe esclusivamente la sanzione sul piano c.d. amministrativo senza alcun nullità.

Afferma la sentenza commentata che lo scopo del mutuo fondiario è anche quello di non indebitare eccessivamente i consumatori più di quanto il loro portafogli consenta di restituire, al fine di non danneggiare la banca.

La banca che, per massimizzare il proprio lucro, dia in prestito un importo superiore a quello consentito dalla legge non potrebbe poi che prendersela con sé stessa, dovendo rinunciare alle somme.

 

Avv. Carlo Cavalletti

Via R. Fucini, 49

56125 Pisa

www.studiolegalecavalletti.it

tel. 050540471

fax. 050542616

numero verde: 900.912.940

Leggi tutto...

La Banca deve restituire le somme indebitamente riscosse nel contratto di c/c Ai sensi del D.L. 24.1.2012 n. 1 è stata prevista la nullità radicale di tutte le clausole che prevedono commissioni a favore della banca a fronte di linee di credito

La Banca deve restituire le somme indebitamente riscosse nel. [..]

  • Data:07

 

La Banca deve restituire le somme indebitamente riscosse nel contratto di conto corrente. Ai sensi del D.L. 24.1.2012 n. 1, convertito con modificazioni della L. 24.3.2012 n. 27 è stata prevista la nullità radicale di tutte le clausole che prevedono commissioni a favore della banca a fronte di linee di credito (Tribunale di Lucca rg. 60649/2016 sentenza n. 1202/2016).

Quello che andiamo a commentare concerne una controversia tra una Banca e un cliente che decideva di promuovere - dinanzi al Tribunale di Lucca – azione giudiziaria per la invalidità, nullità e/o annullabilità del contratto di conto corrente e di apertura di credito mediante affidamento con scopertura sul c/c oltre invalidità della applicazione degli interessi anatocistici con capitalizzazione trimestrale.
Nel corso del giudizio la difesa del correntista provvedeva a produrre il contratto di apertura di c/c e gli estratti conto relativi al periodo 1992/2000 nonché lettera a/r ai fini della dimostrazione dell’avvenuta interruzione della prescrizione oltre ad una perizia contabile.
L’Istituto Bancario contestava ogni pretesa riferendo che la Banca si era adeguata alla delibera CICR del 9.2.2000.
Il Giudice accoglie le ragioni del correntista rigettando dapprima l’eccezione di prescrizione e riferendo, nel merito, come la difesa dell’attrice ha adempiuto a tutti gli oneri di allegazione tra cui gli estratti conto.
Il Giudice, nella sua motivazione, afferma poi che risulta giusto lo scomputo della commissione di massimo scoperto poiché, in forza del D.L. 24.1.2012 n. 1, convertito con modificazioni della L. 24.3.2012 n. 27 è stata prevista la nullità radicale di tutte le clausole che prevedono commissioni a favore della banca a fronte di linee di credito, del loro mantenimento e del loro utilizzo, anche in caso di sconfinamenti oltre il limite del fido o in assenza di affidamento.

 

Download Sentenza

 

Leggi tutto...

La mancata allegazione dei fatti costitutivi nell'opposizione a precetto determina la inammissibilità delle richieste istruttorie. Rigetto opposizione a precetto (Tribunale di Livorno sentenza 828 anno 2016 rep. 1489 anno 2016)

la mancata allegazione dei fatti costitutivi nell'opposizione [..]

  • Data:29

La società finanziaria spa - difesa dall'avv. Carlo Cavalletti - notificava precetto cambiario alla società debitrice la quale presentava opposizione ex art. 615 c.p.c sostenendo che la consegna del titolo era risultato di un comportamento violento e che gli interessi applicati risultavano moratori.

La società finanziaria si difendeva eccependo la inammissibilità della CTU contabile trattandosi di una contestazione del tutto generica in quanto la  società opponente si era limitata a riferire come “il tasso applicato sia da usura”.

L'istanza di ammissione di CTU contabile veniva quindi ritenuta del tutto esplorativa.

Altresì il G.I. rilevava come non veniva contestata la sottoscrizione della cambiale ma dedotta la nullità del contratto posto a fondamento per un comportamento estorsivo e minaccioso dei rappresentati legali della finanziaria.

Anche tali contestazioni sono risultate del tutto generiche e inutili riguardo alle richieste formulate da parte opponente in quanto veniva richiesta la nullità e non l'annullabilità che era stata posta a fondamento del contratto.

Rileva ancora il G.I. come parte attrice non ha fornito alcuna prova delle allegazioni così che viene rigettata la opposizione a precetto e confermata la somma dovuta oltre alla condanna delle spese legali così come da dispositivo.

Si specifica peraltro che parte attrice opponente aveva presentato denuncia-querela presso la Procura della Repubblica cui seguiva archiviazione a favore della finanziaria.

 

Tribunale_Livorno_sentenza_828_anno_2016_rg._5269_anno_2013.pdf

 

Leggi tutto...

Contratto bancario nullo se firmato solo dal cliente (Cassazione Civile - sezione I - n. 5919/2016 del 24.3.2016)

Contratto bancario nullo se firmato solo dal cliente

  • Data:17

La sentenza che andiamo a trattare rappresenta un forte cambiamento di pensiero della Suprema Corte in materia di contratti bancari e finanziari, suscettibile di avere un effetto dirompente in tutti quei contenziosi, in cui si discute sulla validità del contratto riportante una sola firma e prodotto in giudizio, ossia caratterizzato dalla presenza sul documento della sola sottoscrizione del cliente, mentre manca la firma della banca o dell’intermediario finanziario.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

INFORMATIVA Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy. Cliccando su "OK" acconsenti all’uso dei cookie Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Cliccando su "OK" acconsenti all’uso dei cookie.