Diritto del Lavoro

La prestazione di lavoro resa durante la pausa pranzo soppressa va retribuita come lavoro straordinario. (Corte di Cassazione, Sezione Lavoro n. 21325 del 12.08.2019).

La prestazione di lavoro resa durante la pausa pranzo soppressa [..] 

  • Data: 02 Settembre

 

La prestazione di lavoro resa durante la pausa pranzo soppressa va retribuita come lavoro straordinario. (Corte di Cassazione, Sezione Lavoro n. 21325 del 12.08.2019).

 

La vicenda trae origine da un giudizio promosso da alcuni dipendenti, i quali, chiedevano il riconoscimento della retribuzione prevista per il lavoro straordinario a seguito della soppressione della pausa pranzo.

Nel caso in esame la società, datrice di lavoro, sopprimeva la pausa pranzo ed offriva ai dipendenti  dei buoni pasto, da consumare presso terzi convenzionati.

L'azienda datrice di lavoro chiedeva che, per ogni giorno di percezione del buono, il tempo, pari a 15 minuti, venisse recuperato senza retribuzione.

In primo e secondo grado la domanda proposta dai dipendenti trovava accoglimento.

La Corte territoriale competente, infatti, non condivideva la posizione del datore di lavoro.

In particolare, affermava che l'azienda non aveva previsto alcun sistema di turnazione idoneo a permettere ai lavoratori di poter usufruire del pasto. Da ciò discendeva l'illegittimità della richiesta dell'azienda di prorogare l'orario di lavoro oltre il tempo previsto.

Il datore di lavoro ricorreva in Cassazione sostenendo la nullità della sentenza di appello.

A sostegno della sua difesa la società, datrice di lavoro, sosteneva che la sentenza aveva affermato l'interesse ad agire dei dipendenti in merito alla retribuzione delle prestazioni aggiuntive ma non risultava specificato l'arco temporale in cui tali prestazione erano state rese.

La Suprema Corte rigetta il ricorso perchè infondato ed afferma che, la prestazione di lavoro resa per 15 minuti oltre l'orario di lavoro ordinario, va considerata come aggiuntiva e pertanto deve essere retribuita come lavoro straordinario.


Commento dell' Avv. Carlo Cavalletti iscritto Albo Cassazionisti

Studio Legale Cavalletti

Via R. Fucini, 49

56125 Pisa

Tel: 050540471

Fax. 050542616

www.studiolegalecavalletti.it

www.news.studiolegalecavalletti.it

 

Log in

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy & Informativa Privacy.

Cliccando su "OK" acconsenti all’uso dei cookie.